Pubblicato in: istantanee

Rivolgersi a ciò che è oltre le parole


Andare oltre le parole con le parole non è possibile: occorre, con semplicità, lasciare che esse indichino.

Ora, accade spesso che la mente di coloro che ascoltano solo con le orecchie resti appiccicata al suono delle parole, come mosca alla carta moschicida. Melense, inani, trappole sonore.

A volte esse creano illusioni sottili e friabili come foglie autunnali: saltellano via spinte dal vento e si perdono in fondo alla via. Altre volte hanno la cruda durezza del vetro acuminato e mordono la carne. Oppure si piazzano lì, sotto il plesso solare.

Segui la campana. Lasciale andare. Torneranno ad essere fluide. Scorreranno via.

Dal nulla al nulla. Attraverso il nulla: è questa la parte più difficile.

Ma considera: un nulla pieno di parole è pur sempre nulla. Non la sua essenza è in gioco. Mai. Solo il modo di manifestarsi. Cacofonico o calofonico. Ecco: è solo una questione di sintonia.

Allora, lascia che sia la campana a indicare la via. E perdona alle parole.

Annunci

Autore:

Ho studiato filosofia presso l'Università degli Studi di Roma “La Sapienza” e mi sono laureato nell'aprile del 1990, relatore il prof. Gabriele Giannantoni, con una tesi in storia della filosofia antica intitolata "Vivere significa morire: analisi di alcuni frammenti eraclitei". Sono socio della SFI - Società Filosofica Italiana di cui curo il sito web. Da alcuni anni mi interesso di Pratiche Filosofiche e Consulenza Filosofica, collaborando con riviste scientifiche del settore, sulle quali ho all'attivo decine di pubblicazioni. Dal 2004 svolgo la professione di Consulente Filosofico e ho promosso una serie di iniziative filosofiche (Caffè Philo, Dialogo Socratico, Seminari di gruppo) aperte al pubblico. Nel giugno del 2005 ho partecipato come relatore al convegno "Pratiche filosofiche e cura di sé" presso l'Università di Venezia "Cà Foscari". Tra il settembre 2006 e il giugno 2007 ho curato il ciclo di seminari "La filosofia come arte di vivere" presso la Biblioteca Comunale di Rieti "Paroniana" con il beneplacito dell'Assessorato alla Cultura del Comune di Rieti. Nell'anno accademico 2006-2007 sono stato docente a contratto per il master in Consulenza Filosofica attivato presso l'Università di Roma3. Attualmente insegno filosofia e storia presso il Liceo "I. Vian" di Bracciano (Liceo Classico sezione X).