Pubblicato in: istantanee, pratica filosofica

Amor fati


Esperimento. Per strada. Sentire il vento che t’accarezza il viso. Esso va al ritmo delle tue gambe. Sentire le gambe muoversi al ritmo del vento. Gambe che si muovono al ritmo del vento.

Lasciare che i pensieri si condensino in immagini. Immagini che galleggiano su onde di emozioni. Immagini, emozioni.

Che so: un volto che prende forma emergendo da lontano nel tempo. Quello sguardo caldo-umido e la bocca piegata all’in su.

L’emozione è un quid indicibile, un unicum. Come una pennellata. Non ve ne sono due eguali.

Tutto è nell’attimo: contemporaneamente.

Non sei il pensiero. Non sei l’immagine. Non sei l’emozione.

Baluginano. Poi appaiono chiaramente. Prendono forma. Subito trascolorano. Scompaiono. Ne rimane il sentore, ma se ne sono andati.

Loro. Tu sei lo spettatore.

Sentire il vento insieme all’immagine di quel volto. Come se fosse fatta di sabbia, essa si sgrana lentamente. Puoi sentirne le particelle volar via, folata dopo folata. Galleggiano a mezz’aria e – puff! – via.

Al ritmo del vento. Lasciala andare, accompagnandola. Delicatamente. Come quando lasci andare un respiro profondo.

Questa pratica è amor fati. Non un concetto, ma qualcosa che si può provare a sperimentare.

Lasciar andare, accompagnando.

Annunci

Autore:

Ho studiato filosofia presso l'Università degli Studi di Roma “La Sapienza” e mi sono laureato nell'aprile del 1990, relatore il prof. Gabriele Giannantoni, con una tesi in storia della filosofia antica intitolata "Vivere significa morire: analisi di alcuni frammenti eraclitei". Sono socio della SFI - Società Filosofica Italiana di cui curo il sito web. Da alcuni anni mi interesso di Pratiche Filosofiche e Consulenza Filosofica, collaborando con riviste scientifiche del settore, sulle quali ho all'attivo decine di pubblicazioni. Dal 2004 svolgo la professione di Consulente Filosofico e ho promosso una serie di iniziative filosofiche (Caffè Philo, Dialogo Socratico, Seminari di gruppo) aperte al pubblico. Nel giugno del 2005 ho partecipato come relatore al convegno "Pratiche filosofiche e cura di sé" presso l'Università di Venezia "Cà Foscari". Tra il settembre 2006 e il giugno 2007 ho curato il ciclo di seminari "La filosofia come arte di vivere" presso la Biblioteca Comunale di Rieti "Paroniana" con il beneplacito dell'Assessorato alla Cultura del Comune di Rieti. Nell'anno accademico 2006-2007 sono stato docente a contratto per il master in Consulenza Filosofica attivato presso l'Università di Roma3. Attualmente insegno filosofia e storia presso il Liceo "I. Vian" di Bracciano (Liceo Classico sezione X).