Pubblicato in: pratica filosofica

Sulla Sospensione del Giudizio


Tutti quanti – io per primo – abbiamo bisogno di esercitare quotidianamente l’esercizio scettico della sospensione del giudizio. Purtroppo l’uso di internet – a mezza strada tra il detto e lo scritto – induce spesso la tentazione di sottoscrivere affermazioni e informazioni (o presunte tali) sull’onda dell’emotività, senza la giusta mediazione della verifica e del controllo razionale. A maggior ragione occorre praticare “epoché” e astenersi dal precipitare il giudizio. Su alcune questioni, poi, sarebbe bene tacere del tutto. Ottimo l’articolo che mi permetto qui di ribloggare.

Annunci

Autore:

Ho studiato filosofia presso l'Università degli Studi di Roma “La Sapienza” e mi sono laureato nell'aprile del 1990, relatore il prof. Gabriele Giannantoni, con una tesi in storia della filosofia antica intitolata "Vivere significa morire: analisi di alcuni frammenti eraclitei". Sono socio della SFI - Società Filosofica Italiana di cui curo il sito web. Da alcuni anni mi interesso di Pratiche Filosofiche e Consulenza Filosofica, collaborando con riviste scientifiche del settore, sulle quali ho all'attivo decine di pubblicazioni. Dal 2004 svolgo la professione di Consulente Filosofico e ho promosso una serie di iniziative filosofiche (Caffè Philo, Dialogo Socratico, Seminari di gruppo) aperte al pubblico. Nel giugno del 2005 ho partecipato come relatore al convegno "Pratiche filosofiche e cura di sé" presso l'Università di Venezia "Cà Foscari". Tra il settembre 2006 e il giugno 2007 ho curato il ciclo di seminari "La filosofia come arte di vivere" presso la Biblioteca Comunale di Rieti "Paroniana" con il beneplacito dell'Assessorato alla Cultura del Comune di Rieti. Nell'anno accademico 2006-2007 sono stato docente a contratto per il master in Consulenza Filosofica attivato presso l'Università di Roma3. Attualmente insegno filosofia e storia presso il Liceo "I. Vian" di Bracciano (Liceo Classico sezione X).