Pubblicato in: filosofia

Schopenhauer: intorno al suicidio


[da Arthur Schopenhauer, Il mio Oriente, A cura di Giovanni Gurisatti, Piccola Biblioteca Adelphi, 2007]

L’intimo significato della «Trimurti»
La volontà di vivere si manifesta in pari misura nel desiderio di morte di cui è espressione il suicidio, con il quale non viene negata e annullata la vita stessa ma solo la sua apparenza attuale, non la specie, ma solo l’individuo, e dove l’azione è sostenuta dall’intima certezza che alla volontà di vivere mai può mancare la sua apparenza e che essa vive, a onta della morte dell’individuo che si uccide, in innumerevoli altri; io dico che in questo uccidersi (Siva) la volontà di vivere appare tanto quanto nel benessere dell’autoconservazione (Visnu) o anche nella voluttà della procreazione (Brahma).
È questo il significato intimo dell’unità della Trimurti, che ognuno di noi è e che sporge ora l’una ora l’altra delle tre teste; come pure del fatto che proprio Siva ha per attributo il linga [pene].
Che proprio Siva abbia per attributo il linga è un pensiero infinitamente acuto e profondo. Infatti l’annientamento dell’individuo e la conservazione della specie sono necessariamente correlati; la morte rende necessaria la riproduzione, e se questa non vi fosse non potrebbe esservi neppure quella. (p. 109-110)

Il suicidio non è una soluzione
Il suicidio è il capolavoro della Maya: neghiamo l’apparenza e non vediamo che la cosa in sé sussiste immutata, così come l’arcobaleno sta fermo per quanto veloce goccia cada su goccia, facendogli da supporto per un istante. Solo negare la volontà di vivere in generale può redimerci: la separazione da una qualsiasi delle sue apparenze la lascia sussistere imperturbabile, e così il negare quell’apparenza lascia immodificato l’apparire della volontà in generale. (p. 147)

vedi anche: https://francescodipalo.wordpress.com/2012/12/04/schopenhauer-e-il-suicidio/

Annunci

Autore:

Ho studiato filosofia presso l'Università degli Studi di Roma “La Sapienza” e mi sono laureato nell'aprile del 1990, relatore il prof. Gabriele Giannantoni, con una tesi in storia della filosofia antica intitolata "Vivere significa morire: analisi di alcuni frammenti eraclitei". Sono socio della SFI - Società Filosofica Italiana di cui curo il sito web. Da alcuni anni mi interesso di Pratiche Filosofiche e Consulenza Filosofica, collaborando con riviste scientifiche del settore, sulle quali ho all'attivo decine di pubblicazioni. Dal 2004 svolgo la professione di Consulente Filosofico e ho promosso una serie di iniziative filosofiche (Caffè Philo, Dialogo Socratico, Seminari di gruppo) aperte al pubblico. Nel giugno del 2005 ho partecipato come relatore al convegno "Pratiche filosofiche e cura di sé" presso l'Università di Venezia "Cà Foscari". Tra il settembre 2006 e il giugno 2007 ho curato il ciclo di seminari "La filosofia come arte di vivere" presso la Biblioteca Comunale di Rieti "Paroniana" con il beneplacito dell'Assessorato alla Cultura del Comune di Rieti. Nell'anno accademico 2006-2007 sono stato docente a contratto per il master in Consulenza Filosofica attivato presso l'Università di Roma3. Attualmente insegno filosofia e storia presso il Liceo "I. Vian" di Bracciano (Liceo Classico sezione X).

Un pensiero riguardo “Schopenhauer: intorno al suicidio

I commenti sono chiusi.