Pubblicato in: pratica filosofica, scuola

Orientamento universitario: criteri per una scelta consapevole


Questo video è stato realizzato da alcuni ragazzi del 4° anno del liceo classico “Ignazio Vian” di Bracciano (una volta si chiamava 2° classico). Siamo – faticosamente – riusciti a far passare la linea di principio secondo cui il senso prevalente dell’alternanza scuola-lavoro (in barba all’impostazione aziendalista ed efficientista della “Buona scuola”), soprattutto in un liceo, dovesse essere quello della riflessione comunitaria sul tema dell’orientamento universitario e della scelta di vita consapevole. A tal fine, abbiamo organizzato alcuni incontri pomeridiani condotti secondo le modalità della pratica filosofica denominata “Dialogo socratico”, a sfondo autobiografico. Una specie di laboratorio di etica applicata, in cui i principi si sono discussi non in astratto, ma a partire dalle persone degli studenti, chiedendo loro conto ed invitandole ad osservare le interazioni che prendevano corpo durante il tempo trascorso insieme.

Questo tenendo presente l’idea-guida che le capacità di base che si dovrebbero sollecitare ed allenare a scuola sono quelle della relazione tra pari, a scopo collaborativo e di reciproca comprensione, finalizzare in primis alla consapevolezza delle proprie dinamiche interiori, degli stati emozionali ad esse collegati e degli spunti mitografici e razionali attraverso i quali è possibile, comunitariamente, diventarne coscienti. Dinamiche relazionali che, poi, si riveleranno fondamentali nello svolgimento di un gran numero di professioni future (da quelle più specificamente d’aiuto – in ambito sanitario e psicologico – all’insegnamento, alle cosiddette “professioni liberali”, in campo giuridico, economico, ecc.). Ma, in ultima istanza, in onore del sempreverde principio che nostro compito, come docenti e come filosofi, è assistere e stimolare i giovani (e i meno giovani) nel loro cammino verso una condizione umana più ricca dentro, più consapevole, più solidale, più bella, più vera. Assistere, da spettatori interessati al bene della polis, ma non dirigere.

Un modo, insomma, per rispondere dall’interno della scuola non con polemiche contro l’establishment, giustificate ma alla fine poco produttive, bensì con i fatti. Fatti di cui, in estrema sintesi, questo video è documento.

Annunci
Pubblicato in: pratica filosofica

XXI SETTIMANA FILOSOFICA PER… NON FILOSOFI


INVITO

 Il gruppo editoriale “Il pozzo di Giacobbe”-“Di Girolamo” di Trapani

e la fattoria sociale “Martina e Sara” di Bruca (Trapani)

organizzano la

XXI

SETTIMANA FILOSOFICA

PER… NON FILOSOFI

 

* Per chi:

Destinatari della proposta non sono professionisti della filosofia ma tutti coloro che desiderano coniugare i propri interessi intellettuali con una rilassante permanenza in uno dei luoghi tra i più gradevoli del Bel Paese, cogliendo l’occasione di riflettere criticamente su alcuni temi di grande rilevanza teorica ed esistenziale.

 

* Dove e quando:

Lovere (Bergamo) a 200 metri, dal 21 al 27 agosto 2018

 

* Su che tema:

LO SPAZIO DELLA SPERANZA NELL’EPOCA DELLA DISPERAZIONE

 

Le “vacanze filosofiche per…non filosofi”, avviate sperimentalmente sin dal 1983, si sono svolte regolarmente dal 1998. Per saperne di più si possono leggere: Autori vari, Filosofia praticata. Su consulenza filosofica e dintorni (Di Girolamo, Trapani 2008) oppure, A. Cavadi, Filosofia di strada. La filosofia-in-pratica e le sue pratiche (Di Girolamo, Trapani 2010) oppure A. Cavadi, Mosaici di saggezze (Diogene Multimedia, Bologna 2015).

È attivo anche il sito http://vacanze.domandefilosofiche.it curato da Salvatore Fricano (Bagheria).

 

Programma orientativo

Arrivo nel pomeriggio (possibilmente entro le 19) di martedì 21 agosto e primo incontro alle ore 21. La partecipazione alle riunioni è ovviamente libera, ma le stesse non subiranno spostamenti per far posto a iniziative private.

Sono previsti due seminari giornalieri, dalle 9.00 alle 10.30 e dalle 18.15 alle 19.45, sui seguenti temi:

* Ragionevolezza o illusorietà della speranza? La lezione degli antichi

* In cosa possiamo, ragionevolmente, sperare?

* Si può sperare in Nulla?

* La nuova speranza di Nietzsche: l’avvento del superuomo

* Esercizi di speranza

I seminari saranno introdotti a turno da Augusto Cavadi (Palermo), Francesco Dipalo (Bracciano), Orlando Franceschelli (Roma), Salvatore Fricano (Bagheria), Elio Rindone (Roma)

È possibile chiedere di anticipare e/o posticipare di qualche giorno il soggiorno in albergo.

Partenza dopo il pranzo di lunedì 27 agosto. Continua a leggere “XXI SETTIMANA FILOSOFICA PER… NON FILOSOFI”

Pubblicato in: pratica filosofica, scuola

AL VIAN DI BRACCIANO UN LIBRO DI FILOSOFIA “PRATICATA” PER LA NOTTE BIANCA DEL CLASSICO


Risultati immagini per liceo vian notte bianca

Il libro La filosofia non serve a niente! pubblicato, al momento, in versione e-book e liberamente scaricabile dal sito del liceo Vian di Bracciano (http://www.liceovian.gov.it/) è nato all’interno delle iniziative per la Notte bianca del Liceo Classico svoltasi il 12 gennaio scorso.

Giunta alla sua IV edizione, la Notte bianca del Liceo Classico è una manifestazione diffusa su scala nazionale alla quale il nostro istituto ha partecipato quest’anno per la prima volta. Scopo della manifestazione è aprire le porte dei licei alla società civile – genitori, amici, semplici cittadini – per mostrare quanto di bello e di vitale si faccia (o si possa fare) a scuola. Questo, anche per provare a sfatare il luogo comune, diffusosi negli ultimi anni a tambur battente, che la cultura classica abbia scarsa rilevanza nella formazione dei nostri giovani, viziata com’è da un’inguaribile inattualità che la rende inutile, poco produttiva ai fini tecnico-economici richiesti dalla società contemporanea e dal cosiddetto “mondo del lavoro”.

I protagonisti della kermesse sono i ragazzi. Eccoli sul palcoscenico: a suonare musica (classica), a recitare pezzi tratti dalla commedia o dalla tragedia antica, oppure brani di opere letterarie, selezionati con loro e per loro e preparati insieme agli insegnanti. Il fine ludico-teatrale rappresenta anche un diverso modo di fare scuola, più coinvolgente e stimolante, perché accanto allo studio quotidiano mobilita energie emozionali in genere sopite o poco sfruttate e crea quel “senso di appartenenza” che dovrebbe rappresentare la stella polare di ogni comunità, di lavoro, di apprendimento, di condivisione.

Per animare lo spazio filosofico all’interno della manifestazione si è tenuto conto di tre linee-guida valoriali:

  • Creatività: la voce cui donare un adeguato spazio-tempo di espressione ed ascolto empatico deve essere quella degli studenti. La filosofia non è nozionismo, mera ricapitolazione del “già pensato”, bensì sviluppo autonomo e consapevole della capacità di pensare il mondo e di pensarsi nel mondo, in relazione a se stessi e agli altri. Ovvero, creazione di visioni del mondo alternative, al di là del banale “si dice” e “si fa”.
  • Autenticità: la filosofia non esiste senza il soggetto filosofante, come l’arte non si dà senza la persona in carne ed ossa dell’artista. Per poter strutturare ed esprimere la propria visione del mondo è necessario partire dal proprio vissuto emozionale, interrogarlo, scoprirlo in maniera veritiera. Insomma, mettersi in gioco in prima persona. Solo così potremo essere davvero “utili” a noi stessi e agli altri.
  • Centralità della persona: come punto d’incontro del libero gioco di creatività ed autenticità in condivisione. Non “forgiare le persone”, ma “lasciare che le persone sboccino per proprio conto”, valorizzandole, incoraggiandole, “innaffiando i loro talenti individuali”.

Operativamente, tra novembre e dicembre 2017, si è bandito un concorso letterario cui gli studenti del triennio classico potevano partecipare in tutta libertà, producendo testi di non più di 1000-1500 parole che rispondessero alle seguenti tracce:

– Studiando filosofia mi è capitato di cambiare la mia visione del mondo.

– È vero studiare filosofia non serve proprio a niente. Ma proprio per questo…

– Non mi sentivo a mio agio con me stesso/a. Poi leggendo quel libro/testo di filosofia ho iniziato a pensare e…

– Senza la filosofia non avrei mai fatto quell’esperienza che mi ha cambiato profondamente.

Tra questi testi, ora raccolti nel libro, tre sono stati scelti per essere letti in pubblico, dopo un breve interludio musicale.

Attraverso approcci e generi letterari diversi (racconto autobiografico, fiaba, saggio breve di argomento letterario, ecc., ma anche fotografie) gli autori esplorano, da punti di vista differenti, il significato paradossale dell’inutilità della filosofia, rapportato ai nostri giorni. Nell’affrontare il tema si raccontano in un caleidoscopio di prospettive contrastanti: i diktat della presunta “realtà socio-economica” sfumano dinanzi ad orizzonti più ampi, sfaccettati, ricchi di spessore intuitivo ed emozionale.

Da cui emerge il paradosso (apparente) che fare filosofia è bello proprio perché non serve a niente: come tutte le cose belle della vita, amore, amicizia, felicità, arte, la filosofia è esperienza fine a se stessa. A che serve, del resto, predisporre strumenti utili alla vita (in termini tecnico-economici), se poi non si sa che farsene della vita stessa?

Un’ultima considerazione: questa attività è stata fatta rientrare nell’ambito dell’alternanza scuola-lavoro. Oltre all’organizzazione dell’evento, alla recitazione in pubblico e alla scelta dei brani musicali introduttivi, la correzione delle bozze, le immagini, i link e persino l’editing e la grafica dell’e-book sono farina del loro sacco (di una studentessa in particolare). Meditate gente. Meditate.

Francesco Dipalo

Vedi: https://francescodipalo.wordpress.com/2018/01/13/la-filosofia-non-serve-a-niente-ebook-liberamente-scaricabile/

Pubblicato in: pratica filosofica, scuola

La filosofia non serve a niente! (ebook liberamente scaricabile)


“A che serve la filosofia? Proprio a niente!”

Una risposta pronta, apparentemente banale, che nei testi di un gruppo di ragazze e ragazzi del liceo classico “Ignazio Vian” di Bracciano diventa tutto un programma… di riflessione, confronto, analisi introspettiva, critica, ironia, scoperta di sé…

Un luogo comune che si può volgere in paradosso. Basta un po’ di intelligenza e di creatività. Perché proprio a questo non serve il fare filosofia.

Una testimonianza polifonica del fatto che si può praticare la filosofia – perché filosofia è fondamentalmente un “fare” per se stessi e per gli altri, non una serie di nozioni astratte – anche a scuola, grazie alla scuola, a volte, nonostante la scuola, nonostante tutto… Basta – pare semplice, eh! – mettere al centro le persone. Anzi, lasciare spazio e tempo alle persone, creare spazio e tempo per le persone.

Con le giuste condizioni ambientali, a tempo debito, i fiori sbocciano da soli.

Download file pdf “La filosofia non serve a niente!” (Ebook – Ita – Filosofia)

Downlaod file epubdownload file mobi

Notizia su adnkronos: http://www.adnkronos.com/fatti/cronaca/2018/01/18/filosofia-non-serve-niente-sfida-del-prof-agli-studenti_MYVOfUsac4vnJ6KiIxyDcO.html

Continua a leggere “La filosofia non serve a niente! (ebook liberamente scaricabile)”

Pubblicato in: filosofia, pratica filosofica

Epicuro: Lettera a Meneceo sulla felicità


L’uomo cominci da giovane a far filosofia e da vecchio non sia mai stanco di filosofare. Per la buona salute dell’animo, infatti, nessun uomo è mai troppo giovane o troppo vecchio. Chi dice che il giovane non ha ancora l’età per far filosofia, e che il vecchio l’ha ormai passata, è come se dicesse che non è ancora giunta, o è già passata, I’età per essere felici. Quindi sia l’uomo giovane che il vecchio devono far filosofia: il vecchio perché invecchiando rimanga giovane per i bei ricordi del passato; il giovane perché, pur restando giovane d’età, sia maturo per affrontare con coraggio l’avvenire. E’ bene riflettere sulle cose che possono farci felici: infatti, se siamo felici abbiamo tutto ciò che occorre; se non lo siamo, facciamo di tutto per esserlo.

Continua a leggere “Epicuro: Lettera a Meneceo sulla felicità”

Pubblicato in: pratica filosofica

XX SETTIMANA FILOSOFICA PER… NON FILOSOFI


INVITO

Il gruppo editoriale “Il pozzo di Giacobbe”-“Di Girolamo” di Trapani

e la fattoria sociale “Martina e Sara” di Bruca (Trapani)

organizzano la

XX

SETTIMANA FILOSOFICA

PER… NON FILOSOFI

* Per chi:

Destinatari della proposta non sono professionisti della filosofia ma tutti coloro che desiderano coniugare i propri interessi intellettuali con una rilassante permanenza in uno dei luoghi tra i più gradevoli del Bel Paese, cogliendo l’occasione di riflettere criticamente su alcuni temi di grande rilevanza teorica ed esistenziale.

* Dove e quando:

Erice (Trapani) a 750 metri, dal 18 al 24 agosto 2017

* Su che tema: 

L’amore: risorsa e trappola

Continua a leggere “XX SETTIMANA FILOSOFICA PER… NON FILOSOFI”

Pubblicato in: filosofia, pratica filosofica

I tre setacci: favola socratica


Nell’antica Grecia Socrate aveva una grande reputazione di saggezza. Un giorno venne qualcuno a trovare il grande filosofo, e gli disse:

– Sai cosa ho appena sentito sul tuo amico?

– Un momento – rispose Socrate. – Prima che me lo racconti, vorrei farti un test, quello dei tre setacci.

– I tre setacci?

– Ma sì, – continuò Socrate. – Prima di raccontare ogni cosa sugli altri, è bene prendere il tempo di filtrare ciò che si vorrebbe dire. Lo chiamo il test dei tre setacci. Il primo setaccio è la verità. Hai verificato se quello che mi dirai è vero?

– No… ne ho solo sentito parlare…

– Molto bene. Quindi non sai se è la verità. Continuiamo col secondo setaccio, quello della bontà. Quello che vuoi dirmi sul mio amico, è qualcosa di buono?

– Ah no! Al contrario

– Dunque, – continuò Socrate, – vuoi raccontarmi brutte cose su di lui e non sei nemmeno certo che siano vere. Forse puoi ancora passare il test, rimane il terzo setaccio, quello dell’utilità. E’ utile che io sappia cosa mi avrebbe fatto questo amico?

– No, davvero.

– Allora, – concluse Socrate, – quello che volevi raccontarmi non è né vero, né buono, né utile; perché volevi dirmelo?

Se ciascuno di noi potesse meditare e metter in pratica questo piccolo test… forse il mondo sarebbe migliore.

(Dan Millman)